Infotel

sabato 26 ottobre 2013

Buone pratiche sulla sicurezza

Concorso nazionale “Le Buone pratiche sulla sicurezza partecipata” A Napoli il 30 ottobre 2013   La Campagna europea 2012-2013 “Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi”, promossa dall’Agenzia Europea per la salute e sicurezza sul lavoro, giunge alla fase conclusiva con la cerimonia di chiusura organizzata, il prossimo 30 ottobre, nella sede di Villa Colonna Bandini a Napoli.Concorso nazionale “Le Buone pratiche sulla sicurezza partecipata
A Napoli il 30 ottobre 2013

La Campagna europea 2012-2013 “Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi”, promossa dall’Agenzia Europea per la salute e sicurezza sul lavoro, giunge alla fase conclusiva con la cerimonia di chiusura organizzata, il prossimo 30 ottobre, nella sede di Villa Colonna Bandini a Napoli.

Manuale rischio Biologico

L'INAIL, nell'ambito delle sue funzioni, prevede un sistema integrato di interventi attraverso la multidisciplinarietà e la ricerca di misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza di tutti i lavoratori, attraverso l'ottimizzazione delle strategie di prevenzione tra le quali l'informazione, la formazione, la preparazione.  Il Manuale informativo "Il rischio biologico per i soccorritori non sanitari dell'emergenza" è stato elaborato successivamente alla stesura delle Schede informative sui batteri, virus, parassiti e funghi classificati nell'allegato XLVI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.
L'INAIL, nell'ambito delle sue funzioni, prevede un sistema integrato di interventi attraverso la multidisciplinarietà e la ricerca di misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza di tutti i lavoratori, attraverso l'ottimizzazione delle strategie di prevenzione tra le quali l'informazione, la formazione, la preparazione.

Il Manuale informativo "Il rischio biologico per i soccorritori non sanitari dell'emergenza" è stato elaborato successivamente alla stesura delle Schede informative sui batteri, virus, parassiti e funghi classificati nell'allegato XLVI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Adeguamento motocoltivatori 2013 Allegato V al D.lgs. 81/08 e s.m.i

L’obiettivo del documento è quello di fornire i riferimenti tecnici in grado di supportare gli operatori del settore (datori di lavoro, lavoratori autonomi, venditori, noleggiatori, concedenti in uso, organi di controllo, ecc.) nel processo di adeguamento di motocoltivatori e motozappatrici costruite antecedentemente all’entrata in vigore del D.P.R. 459/96, ai pertinenti requisiti di sicurezza previsti nell’Allegato V al D.lgs. 81/08 e s.m.i.

Scarica Lavori verdi e sicurezza e salute sul lavoro

d lgs 81
L’Unione europea (UE) si impegna a ridurre del 20 % le emissioni di gas a effetto serra , nonché ad aumentare del 20 % l’efficienza energetica e del 20 % la quota di mercato delle energie rinnovabili entro il 2020 (Commissione europea, 2010). Il conseguimento di questi obiettivi in materia di energie rinnovabili ed efficienza energetica può, di per sé, creare oltre un milione di nuovi posti di lavoro. La scarsa considerazione della sicurezza e della salute sul lavoro (SSL) in questi nuovi posti di lavoro «verdi» comprometterà questi due aspetti per molti lavoratori.

d lgs 81 ,Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro

d lgs 81
Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro
Disponibile il testo coordinato nell'edizione ottobre 2013
Disponibile on line il testo coordinato del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n.81 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro con tutte le disposizioni integrative e correttive. 

mercoledì 23 ottobre 2013

Documento Tecnico per l’adeguamento di motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di cui all’allegato V del D.lgs. 81/08

Documento Tecnico per l’adeguamento di motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di cui all’allegato V del D.lgs. 81/08
Ha avuto il via libera la pubblicazione del “Documento Tecnico per l’adeguamento di motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di cui all’allegato V del D.lgs. 81/08”. L’obiettivo del documento è quello di fornire i riferimenti tecnici in grado di supportare gli operatori del settore (datori di lavoro, lavoratori autonomi, venditori, noleggiatori, concedenti in uso, organi di controllo, ecc.) nel processo di adeguamento di motocoltivatori e motozappatrici costruite antecedentemente all’entrata in vigore del D.P.R. 459/96, ai pertinenti requisiti di sicurezza previsti nell’Allegato V al D.lgs. 81/08 e s.m.i.

Una regolazione tecnica puntuale.
Nel documento tecnico realizzato da un gruppo di lavoro coordinato dal Dipartimento di Tecnologie di Sicurezza dell’Inail, sono descritti i sistemi di protezione di cui le macchine in esame devono essere dotate, gli aspetti normativi relativi alla circolazione stradale e la certificazione di conformità dell’adeguamento tecnico ai fini del soddisfacimento del requisito di cui all’Allegato V del D.lgs. 81/08 e s.m.i..

Documento Tecnico per l’adeguamento di motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di cui all’allegato V del D.lgs. 81/08


mercoledì 9 ottobre 2013

Sicurezza lavoro , Bandi e Concorsi , Formazione d lgs 81 ,

Newsletter 8 Ottobre 2013
News - Categoria 'Sicurezza'
Formazione d lgs 81 regione piemonte
Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013
07 ottobre 2013
 
Sicurezza lavoro Regione Campania
entrata in vigore il 10 settembre 2013
04 ottobre 2013
 
UNI 9994-1:2013
20 giugno 2013
04 ottobre 2013
 
Scadenze normativa dvr e formazione
DVR standard Formazione
01 ottobre 2013

News - Categoria 'Bandi e Concorsi'

BANDO PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE AGRICOLE
mettere in sicurezza le macchine agricole
06 ottobre 2013
 

News - Categoria 'Generale'
 
Ancora chiarimenti sulla normativa relativa alle terre e rocce da scavo
legge di conversione n. 98/2013
07 ottobre 2013
 
Legge regionale toscana , protezione e bonifica dell'ambiente dai pericoli derivanti dall'amianto
Legge regionale 19 settembre 2013, n. 51
07 ottobre 2013
 

martedì 1 ottobre 2013

manutenzione attrezzature di lavoro

Nell’ottica di salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori e di migliorarne gli standard nel corso del tempo, si pone fortemente l’accento sulla valutazione delle condizioni e delle caratteristiche specifiche del lavoro da svolgere, dei rischi presenti nell'ambiente di lavoro, dei rischi derivanti dall'impiego delle attrezzature di lavoro e nella loro disposizione al fine di ridurre i rischi per gli utilizzatori e le altre persone.

Le attrezzature di lavoro giocano quindi un ruolo fondamentale nelle varie attività lavorative, per tali motivi la normativa “obbliga” il datore di lavoro a scegliere in maniera opportuna le attrezzature di lavoro in termini di ergonomia e spazi di lavoro, ma soprattutto disciplina la loro manutenzione, controllo e verifica.

Garantire quindi i requisiti di integrità, sicurezza e funzionalità delle attrezzature di lavoro nel tempo è sicuramente indice di una corretta prevenzione e salvaguardia dei lavoratori.

art 71 d lgs 81